Ricordiamolo sempre : ogni madre è competente

0
243

Questo articolo, scritto di getto, emotivo, franco e semplice, è per te che leggi.
Forse sei una neomamma alle prese con la cura del tuo bimbo, con la gestione degli impegni quotidiani e il dolore di una ferita che tira.
Seduta sul divano per ore, ad allattare, cullare, cantare. Sola, o in compagnia di qualcuno che ti chiede come stai e ti aiuta nelle faccende domestiche.
Potresti essere anche una mamma con un bimbo in età prescolare, che ha scelto (o magari non scelto) di posticipare il rientro a lavoro, dando le dimissioni perchè quel che ti chiedevano non era umano e cozzava con il tuo desiderio di essere madre attenta e presente.
Magari sei una mamma che lavora, molte ore al giorno e non ha aiuti. Ti senti in colpa e piangi di nascosto, oppure stai bene in questa dimensione che ti fa essere donna impegnata e madre, della serie “meglio la qualità che la quantità”.

Forse sei un papà, una nonna, un’amica.

E’ evidente a tutti noi, che la nostra cultura, così individualista, competitiva e scarsamente affettiva, non accoglie e sostiene le madri e più in generale le esigenze della famiglia.
Non sostiene economicamente ed emotivamente le madri, che fanno un “lavoro” prezioso ed impegnativo a casa e fuori.
Nel piccolo, dentro le mura di casa, aleggiano critiche e giudizi, volano consigli non richiesti come il tanto famoso “così lo vizi” , o il “forse non hai latte” , “io facevo così”, “si è sempre fatto così” e così via.
Nel grande, fuori, si odono molteplici stereotipi e i pregiudizi la fanno da padrone. Il mondo del lavoro non comprende le esigenze familiari e discrimina le donne.

Ripetiamolo tutti insieme : le madri sono competenti! Ogni madre (a meno che non sia nel pieno delle sue capacità mentali) conosce cosa è il meglio per il proprio bambino e va rispettata nelle sue scelte.

A volte, teme di non essere in grado di essere una buona madre, si sente insicura. E’ lì che dovrebbe intervenire la rete familiare e sociale, nel piccolo e nel grande contesto è un dovere di tutti sostenere le madri. Per farlo occorre stare in sordina, accanto, non davanti. Spesso in silenzio. Nella gran parte dei casi sono sufficienti sorrisi, conferme,attenzioni anche piccole. I grazie, i “prenditi il tuo tempo, ti aspetto” e via dicendo.

Ed ecco che la madre risorge, luminosa e pienamente consapevole!

CONDIVIDI
Articolo precedenteDpp – Siamo agli sgoccioli!
Prossimo articoloUna doula per te
Ciao! Sono Giusy, dott.ssa in scienze socio pedagogiche e consulente perinatale (formazione Mipa di Brescia). Operatrice di Rebozo, facilitatrice in allattamento materno (formazione Tiziana Catanzani e Katia Micheletti -IBCLC-). Dal 2009, sono a fianco di famiglie e minori e ho maturato esperienza in area educativa. Oggi, il mio sguardo e il mio cuore sono principalmente rivolti alle mamme e ai neonati. L'esperienza della maternità ha influenzato il mio pensiero riguardo al percorso nascita e contribuisce ad accogliere con empatia e vicinanza, le richieste delle donne che si rivolgono a me. Se ti piace ciò che scrivo, condivi i miei articoli e seguimi sulle pagine facebook e Instagram di Fiordimamma! Grazie